Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

BUONO A SAPERSI

A tutti i bambini capita, prima o poi, di dover fare un prelievo del sangue. Ci sono alcune accortezze che possono allentare la tensione del piccolo per affrontare questo momento con la maggiore serenità possibile. Il consiglio è quello di non raccontargli bugie e limitare la sua paura verso qualcosa che non conosce: i bambini percepiscono tensioni, sguardi apprensivi e toni di voce preoccupati. Il ruolo dei genitori è fondamentale nel rassicurarlo sulla sua capacità di sopportare la piccola prova che lo attende. Conviene quindi avvertirlo che potrà sentire una specie di pizzicotto o una puntura di zanzara e altrettanto prezioso è l’atteggiamento di fiducia di mamma e papà nei confronti del personale sanitario. In alcuni casi, può anche essere necessario tenere fermo il bambino: una precauzione necessaria per evitare movimenti bruschi che possono compromettere la buona – e rapida – riuscita dell’esame. Se il bambino è un po’ più grande, è bene spiegargli in modo dettagliato in cosa consiste l’esame e perché lo deve fare. Una volta terminato il prelievo, è positivo che i genitori e gli operatori riconoscano al bambino il suo coraggio, dicendogli che è stato bravo.

Il digiuno. Oltre alla necessità di supportare psicologicamente il bambino, ci sono anche delle prescrizioni da seguire. Di solito, per fare un prelievo ematico il bambino deve essere digiuno da almeno quattro ore. Solo per esami che prevedono la determinazione di ACTH, 17-OH, progesterone, insulina base, cortisolo, il digiuno richiesto è di almeno otto ore. Se però il piccolo ha meno di un anno, può assumere latte materno o artificiale fino a tre ore prima del prelievo. In ogni caso può bere acqua nell’attesa.

Come prenotare il prelievo al Meyer. Dallo scorso marzo il Punto Prelievi del Meyer ha affrontato una piccola rivoluzione per migliorare il servizio. Per i pazienti esterni è stato ampliato l’orario di apertura (dalle 8 alle 11). Inoltre il servizio resta aperto un giorno in più, anche il sabato mattina per venire incontro alle esigenze dei genitori che lavorano e dei piccoli che devono frequentare la scuola. Altra importante novità è quella che riguarda la prenotazione: si può infatti accedere dall’esterno solo tramite un appuntamento. La prenotazioni potrà essere fatta telefonando al CUP del Meyer (telefono: 055.5662900) da lunedì a venerdì dalle ore 8:00 alle ore 16:00. La prenotazione non sarà invece necessaria per la consegna di campioni biologici.

A disposizione dei pediatri di famiglia c’è anche un percorso per l‘effettuazione di esami urgenti. Nel caso sospetti una situazione di urgenza, il pediatra di famiglia potrà inviare il paziente al Punto Prelievi senza prenotazione dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 17.30.