Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

BUONO A SAPERSI

di Cesare Filippeschi, dermatologo AOU Meyer

Quando compaiono i primi nei?
I nevi si distinguono in congeniti e acquisiti. Quindi possono essere presenti alla nascita o formarsi nell’età evolutiva fin dai primi anni di vita. Questo fenomeno, spesso, desta preoccupazione nelle mamme che si rivolgono allo specialista, chiedendo se è normale il bambino si riempia di nei, nonostante l’utilizzo della protezione solare. In realtà la formazione di nevi melanocitari acquisiti nell’infanzia è un fatto del tutto fisiologico e indipendente dal fatto di mettere le protezioni solari o meno. Certamente ci sono bambini che per caratteristiche genetiche producono un numero maggiore di nevi rispetto ad altri.

Quando è necessario fare un primo controllo dermatologico in età pediatrica?
Non si può stabilire una regola fissa. Certamente i nevi congeniti giganti (oltre i 20 cm di diametro) devono essere seguiti con attenzione fin dalla nascita per il loro maggior rischio evolutivo verso la patologia tumorale e per la ripercussione estetica talvolta molto significativa. I nevi congeniti di medie e piccole dimensioni hanno invece condizioni di rischio minori. In caso di semplici nevi acquisiti con aspetto clinico normale si può prevedere una visita più accurata intorno ai dieci anni.

È vero che un neo presente dai primi giorni di vita deve essere controllato con più attenzione?
È necessaria una maggiore attenzione ai nevi congeniti, ma senza enfasi. I nevi a rischio sono prevalentemente quelli di notevoli dimensioni.

Ci sono dei segnali da considerare per cui è meglio rivolgersi a uno specialista?
Un segnale significativo e di facile valutazione da parte di un genitore è quando in un bambino compare un nevo nuovo che cresce rapidamente in tre /quattro mesi e che si presenta con caratteristiche cliniche completamente diverse da tutti gli altri. In particolare di colore nero intenso o piuttosto rosato senza pigmento: quello che viene comunemente definito “il brutto anatroccolo”. In questo caso potrebbe trattarsi di un Nevo di Spitz, cioè un tipo di nevo che anche in età pediatrica va seguito con maggiore attenzione e talvolta asportato a fini preventivi futuri. Spesso si tende attualmente a programmare esami per controllo nevi a tappeto in età molto precoce. Questo ha poco significato preventivo e può caricare di ansia ingiustificata i genitori.