Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

PSICOLOGIA

di Francesca Maffei, responsabile del servizio di psicologia ospedaliera AOU Meyer

Il rapporto con il cibo va ben oltre il semplice atto della nutrizione: il cibo infatti rappresenta un bisogno primario dell’essere umano ed è permeato di valori simbolici largamente condivisi. Per cogliere l’aspetto culturale dell’alimentazione, è sufficiente pensare ai momenti di convivialità, condivisione e ritualità collettiva in cui, il pasto diviene il fulcro di complesse interazioni affettive e comunicative; per coglierne gli aspetti psicologici, invece, basta pensare alla relazione che sin dalla nascita si stabilisce tra il bambino e la figura materna, intesa come fonte di nutrimento non solo fisico, ma anche emotivo e mentale.

La diagnosi di un’allergia comporta per il bambino che la riceve e per i suoi cari, un grande cambiamento nello stile alimentare e di vita, generando forti ripercussioni a livello emotivo, oltre che relazionale e sociale. Tutte le abitudini alimentari già acquisite, di colpo vengono rivoluzionate e la dieta “allergen free”, necessita di essere immediatamente intrapresa. È chiaro che questo implica una completa riorganizzazione delle giornate e della vita sociale del bambino e dei suoi familiari, comportando delle difficoltà che vanno al di là della semplice prescrizione di “non mangiare l’allergene”. La diagnosi di allergia si configura come un vero e proprio momento di crisi, capace di generare nella mente del bambino, una sorta di separazione tra il pre ed il post-diagnosi, tra “ciò che era” e “ciò che sarà”: un po’ come un lutto, che come tale ha bisogno di essere elaborato. Il disagio maggiore è comunque rappresentato dalla dieta. Nei bambini, il divieto di mangiare alcuni cibi può non essere compreso e quindi vissuto come una costrizione e punizione: è importante passare informazioni chiare ed oneste, a partire dalla comunicazione della diagnosi dei medici sia al bambino che ai genitori, ed anche su ciò che è possibile mangiare e sull’importanza dell’aderenza alla dieta, facendo chiarezza nei suoi pensieri e gettando le basi per un nuovo rapporto di fiducia in cui il piccolo possa sentirsi accolto e capito. Il bambino spesso affronta la malattia come un evento esterno a sé, sentendosi minacciato nel suo senso di sicurezza e sviluppando il timore di essere considerato diverso. Informare e sensibilizzare gli insegnanti, i parenti e i genitori degli amici sull’allergia, può essere utile per rafforzare il senso di competenza e di fiducia del bambino, facendolo sentire tranquillo anche in contesti diversi da quello familiare. Più complessa è la situazione in adolescenza, dove la malattia cronica può interferire con il bisogno di autonomia-indipendenza tipico di questa fase e con l’esigenza di accettazione da parte dei pari, generando un senso di impotenza e di inferiorità rispetto ai compagni che può portare il ragazzo ad isolarsi, a rifiutare la diagnosi o a trasgredire la dieta, come segno di ribellione. Le reazioni della famiglia rivestono un’importanza particolare per l’accettazione-adattamento del bambino alla malattia, oltre che per l’adesione alla dieta: ciò sta a significare che il bambino vivrà l’allergia con il senso che le verrà attribuito dall’ambiente, specie dall’ambiente che conta. Per tale ragione, il modo migliore per aiutare un bambino in difficoltà è quello di aiutare i genitori a rinforzare o recuperare la fiducia in se stessi, ad accogliere il sentire del bambino senza esserne spaventati, a trovare il giusto equilibrio tra istinto di protezione e incoraggiamento all’autonomia del piccolo. Attraverso il supporto di uno psicologo si può trovare un contenimento delle ansie, delle preoccupazioni per il futuro del bambino, e dei sensi di colpa, imparando che solo se si è capaci di parlare della malattia e delle “parti malate” del bambino, le “parti sane” avranno l’opportunità di emergere e di esprimersi.