Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

LE STAGIONI NEL PIATTO

del servizio Dietetica pediatrica AOU Meyer

Ingredienti

  • 800 gr petto di pollo a fettine
  • 2 melagrane
  • 100 gr gherigli di noce
  • 1 cipolla grossa
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • 1 cucchiaio aceto di vino bianco
  • 1 cucchiaino zucchero di canna
  • 1 rametto rosmarino

Sgranare le due melagrane, tenere 1/4 dei chicchi da parte e spremere il resto con uno schiacciapatate, in modo da ottenerne il succo.
Tritare la cipolla e, grossolanamente, i gherigli delle noci.
In una padella abbastanza ampia da contenere gli involtini, far appassire la cipolla in poco olio e quando sarà trasparente aggiungere i gherigli delle noci e lasciare insaporire qualche minuto. Lasciare raffreddare.
Battere le fettine di petto di pollo tenendole tra due fogli di carta forno o di pellicola trasparente e riempire le fettine con il composto di cipolla/noci formando degli involtini, che andranno legati con lo spago.
Nella padella usata precedentemente, far rosolare gli involtini con un cucchiaio di olio ed il rametto di rosmarino.
Quando saranno quasi arrivati a cottura salarli, aggiungere il cucchiaio di aceto e lasciare sfumare, poi aggiungere il cucchiaino di zucchero e lasciare caramellare per un minuto, continuando a rimescolare.
A questo punto andrà aggiunto il succo ottenuto dai chicchi di melagrana.
Lasciare asciugare per un paio di minuti, aggiungere i chicchi tenuti da parte, aspettare un ultimo minuto e servire.

Il melograno in cucina

Il melograno è ben noto per le sue numerose proprietà benefiche: grazie all’elevata quantità di antiossidanti come polifenoli e tannini, infatti, inibisce la proliferazione dei radicali liberi responsabili diretti dell’invecchiamento cellulare e dell’insorgenza di cellule tumorali e di numerose patologie degenerative. Questo frutto ha come punto di forza le numerose vitamine che contiene: un’alta percentuale di vitamina C, vitamina K (importante per la crescita dei bambini), A, E e vitamine del gruppo B. Il melograno è, inoltre, gastroprotettivo (crea una pellicola che protegge le pareti dello stomaco), antibatterico (contrasta la proliferazione di batteri e parassiti all’interno dell’intestino) e ha un’azione vasoprotettrice e anticoagulante per questo non dovrebbe mai mancare nelle nostre tavole nella stagione autunnale.