Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

DALLA REGIONE

di Serena Consigli, Regione Toscana

La Scuola Nazionale Cani Guida per Ciechi di Scandicci ha festeggiato i suoi 90 anni. Una ricorrenza importante, soprattutto se si pensa che la Scuola di Scandicci è la più vecchia al mondo, assieme alla Scuola statunitense "Seeing eye", anch'essa nata nel 1929.

I cuccioli addestrati a Scandicci vengono assegnati a persone non vedenti di tutte le regioni. E quanti più quattro zampe vengono addestrati, tanto più è possibile rispondere in tempi brevi alle tante domande che arrivano da tutta Italia.

Ormai da anni la Scuola si avvale della collaborazione di famiglie volontarie per educare e socializzare i propri cuccioli destinati a diventare dei meravigliosi cani guida. Le famiglie svolgono un ruolo importantissimo: ospitano i cani nella loro casa e li aiutano ad assimilare le corrette regole educative e comportamentali abituandoli alle realtà urbane e sociali e, comunque, alle varie situazioni che incontrerà quando sarà un cane guida.

Il programma di socializzazione prevede di norma rientri periodici dei cuccioli presso la scuola (una settimana ogni mese) per controllare il corretto svolgimento del programma, correggere eventuali problemi comportamentali insorti e rendere dolce e graduale il reinserimento finale nella Scuola una volta giunti all'anno di età.

I primi mesi di vita del cucciolo sono molto importanti per la formazione del suo carattere e la sua corretta educazione influenzerà positivamente il comportamento del futuro cane guida. La decisione di prendere un cucciolo in affidamento deve essere condivisa da tutta la famiglia, perché ogni suo componente dovrà fornire al cane attenzione, affetto, momenti di gioco e costanza nell'educazione. Sempre seguendo il programma di socializzazione, si dovrà esporre il cucciolo a quante più esperienze possibili, introdurlo con gradualità in tutte le varie situazioni ambientali e fargli prendere confidenza con tutti i mezzi di trasporto.

E' preferibile che le famiglie interessate ad aderire a questo progetto siano residenti a Firenze e provincia (è comunque possibile collaborare con famiglie residenti anche in zone più lontane, l'importante è che siano disponibili a frequenti spostamenti per raggiungere la Scuola). Tutte le spese riguardanti il mantenimento e la cura veterinaria del cane sono a carico della Regione Toscana. La Scuola è disponibile in ogni momento per consigli e suggerimenti e provvede a fornire gli alimenti, i vaccini, le cure veterinarie, i vari corredi, ecc.

Attualmente collaborano con la Scuola circa 70 famiglie. Per qualsiasi informazione è possibile contattare il personale della Scuola dal lunedì al sabato, dalle 7.30 alle 13.00, al numero 055/4382855 o all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.